Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 11 gennaio 2012

Polpi alla Luciana...

...Una delle piu' conosciute ricette della gastronomia napoletana,
deve il suo nome al popolare quartiere Santa Lucia,
dove la tradizione racconta che sia nato.
La Luciana di cui si parla nella ricetta , e' un'ignota abitante
di Santa Lucia, noto panoramico, ed oggi
ben frequentato quartiere di Napoli.
Delle luciane, veniva decantata la bellezza,
a suo tempo pero' questo era il quartiere dei pescatori,
in pratica, dalla Fondazione di Partenope al secondo dopoguerra.
I polpi vengono cotti in una casseruola di terracotta,
uniti a pomodoro, aglio olive nere di Gaeta,
pepe e si completa con prezzemolo.
Non va aggiunta acqua durante la cottura.
Un detto napoletano, ispirandosi a quest'ultimo
accorgimento culinario dice:
<< O purpo se coce int' all'acqua soja >>
<< Il polpo si cuoce nella sua acqua >>
Questo perche' quando cuoce tira fuori una
quantita' notevole di liquido parecchio salato.

INGREDIENTI x 2 p:
500 kg di polpi piccoli
1 barattolo di polpa di pomodoro a pezzettoni
aglio in granuli TEC-AL
pepe (io ho preferito peperoncino)- prezzemolo tritato-olio
olive nere ( ke io ho dimenticato di mettere)

Lavare e nettare per bene i polpi.
In una casseruola soffriggere olio , aglio in granuli e peperoncino

aggiungere la pelata a pezzettoni , un po di prezzemolo ,e far cuocere il sugo 10' minuti
aggiungere i polpi,e farli cuocere a fuoco moderato con coperchio per 30/40' minuti

Servirli caldi con una bella spolverata di prezzemolo fresco.Molte persone li servono su crostini di pane.
Volendo con il loro sugo si possono condire gli spaghetti...vi assicuro ke sono gustosissimi...


...accompagnandoli magari con un buon vino...


4 commenti:

ஃPROVARE PER GUSTAREஃ di ஜиαтαℓια e ριиαஓ ha detto...

ciao ..
mio marito i polpi fatti cosi li adora e non solo lui ^__*
mi sono aggiunta tra i tuoi sostenitori
lia

PanDiZenzero ha detto...

Complimenti per la ricetta, devono essere squisiti! Grazie per esserti aggiunta al mio blog, ho ricambiato!!! ;-)

Fabiano Guatteri ha detto...

Da provare subito. Magari anche per condire un bel piatto di paccheri

Ilaria ha detto...

Ciao Lina, piacere di conoscerti. Ho scoperto il tuo blog in questi giorni e finalmente trovo il tempo per poterti scrivere due righe.
Ti ringrazio per essere passata a farci visita e per esserti iscritta ai nostri lettori.
Questo piatto è delizioso. Fa proprio venire l'acquolina in bocca...
Ti auguro una buona giornata. A presto!